Siti archeologici » Segesta

 

Segesta: Fondata dagli Elimi e dagli abitanti di Troia dopo la guerra di Troia, il suo tempio fu eretto alla metà del V secolo a.C. e si definisce un periptero, ossia un edificio cinto da colonne. E fra i meglio conservati di tuta l’antichità, ma a renderlo eccezionale è il fatto di essere l’unico rimasto a struttura aperta. Cento metri più in alto, sull’acropoli Nord del monte Barbaro, si trova il teatro databile alla metà del III secolo a.C.. La cavea, con i sedili tagliati nella pietra, apre su un emozionante scorcio che sconfina nel blu infinito del mare, riempiendo gli occhi degli spettatori che ancora oggi assistono a rappresentazioni in costumi di drammi classici. Sparsi sul pendio giacciono i resti di una chiesa del ‘400, di una moschea e di un castello del XII secolo, di antiche mura e numerose abitazioni, sedimento di una storia mai cessata.

I piccoli consigli di Nathalie: Prendete il tempo di godervi la vista sublima dal teatro attardandovi con un buon libro, dal quale alzerete il naso ogni tanto, immedesimandovi in un antico spettatore seduto allo stesso posto 2400 anni fa. Non mancate gli spettacoli di Segesta d’estate. Potrete assistere a rappresentazioni di commedie e di tragedie antiche nel fine pomeriggio, all’ora del tramonto, un esperienza indimenticabile. Se salite al teatro con la navetta, preferite fare la discesa a piedi, il scenario è mozzafiato e la vista si estende dalla costa nord-ovest alla costa sud. Non ci sono dubbi che gli antichi sapevano scegliere i luoghi dove fondare le loro città! E infine perché non fare un picnic nell’apposita area ai piedi del tempio ? un modo divertente di ultimare la visita, specialmente per i bambini